L'antica via Flaminia

Tratto di Via Flaminia

Il progetto di valorizzazione nasce per incentivare la crescita del territorio umbro compreso tra i comuni di Otricoli, Narni e Terni.

Un progetto che ha lo scopo di rilanciare il turismo nell'area e di proporre in modo efficace ad accattivante i tesori archeologici, storici, culturali, tradizionali, paesaggistici, enogastronomici e naturali di un'area forse poco conosciuta ma sicuramente ricca di spunti.

Oggi dell’antica via Flaminia restano cospicue tracce archeologiche, alcune visibili, come a Carsulae o ad Otricoli, altre invece celate dal tempo al di sotto del terreno e percepibili solo attraverso strumentazione apposita come il geo radar.

L’aspetto più suggestivo e affascinante della via Flaminia, e di quasi tutte le vie consolari romane, è nella stratificazione visibile della successione degli eventi, dove tracce e simboli di mondi distanti tra loro nel tempo e nelle credenze religiose vivono, oggi, in perfetta simbiosi.

Oggi, grazie all’archeologia, e ai reperti rinvenuti nei secoli e conservati nei musei o presenti ancora in sìtu, è possibile ricostruire l’evoluzione della via Flaminia e conoscere un pezzo della storia di Roma che è anche un pezzo della nostra storia.